dearbgzh-CNzh-TWhrcsdanlenfifrelhuitjaplroruskes

virus

virus

 

batteri

virus

vermi

Wurm

Voltaggio delle celle

Voltaggio delle celle

Schmerzen

Schmerzen

sistema immunitario

Sistema immunitario

Tumori

la malattia tumorale

NLS Informationsmedizin GmbH | Hotline +43 2762 52481 | Austria

Introduzione alla terapia di frequenza - Parte 1

shutterstock 1148494652Le reazioni di cella e tessuti esposti a campi elettromagnetici.

Molte persone attualmente pensano che manchi ancora una spiegazione soddisfacente per l'applicazione dei campi elettromagnetici alle cellule degli organismi viventi con frequenze e forme d'onda diverse.

Ciò dipende soprattutto dalla conoscenza incompleta dei fenomeni a livello genetico, della membrana cellulare, degli organelli in esso contenuti, della matrice extracellulare e in generale della complessità strutturale dei tessuti biologici e della loro disomogeneità.

Vi presenteremo questi in questi post del blog La terapia di frequenza"Nelle periodiche edizioni settimanali cerca di scoprire le ipotesi più riconosciute che la ricerca in questo settore ci offre.

Per capire come le onde elettromagnetiche normali e pulsate possano influenzare un organismo e soprattutto le cellule e i tessuti, è prima necessario ripetere alcuni semplici concetti in fisica.


Onda di seno:

L'onda sinusoidale rappresenta l'onda fondamentale di tutte le forme d'onda perché qualsiasi forma d'onda può essere calcolata come una somma di diverse onde sinusoidali, quindi l'onda sinusoidale ha il significato più grande. L'onda sinusoidale in realtà ha una curvatura molto semplice e naturale, che si basa su molti fenomeni fisici.

shutterstock 714187729

Incontriamo costantemente le onde sinusali nella vita di tutti i giorni: il suono che le nostre orecchie percepiscono è costituito da onde sinusoidali, la luce che anche i nostri occhi percepiscono. Abbiamo anche colpito l'onda sinusoidale nelle nostre famiglie, ad esempio nella fornitura di energia elettrica e molto altro.

Pertanto, le curve sinusoidali sono i "mattoni" di base con cui è possibile costruire qualsiasi altra forma d'onda.

In pratica, aggiungendo diverse onde sinusoidali con frequenze e ampiezze diverse, è possibile generare qualsiasi segnale con qualsiasi forma d'onda.


lunghezza d'onda:

È la distanza in metri di una vibrazione completa o la distanza tra i punti massimi (creste) o due minimi (valli) di un'onda elettromagnetica. Viene fornito con la lettera greca (Lampa) e viene mostrato con

Frequenza attraverso la relazione = c / f collegato, dove

la lunghezza d'onda espressa in metri
c è la velocità di fase, nella gamma di frequenza c è la velocità della luce come costante naturale
la frequenza

è

Da questa espressione si può vedere che maggiore è la frequenza, minore è la lunghezza d'onda.

shutterstock 470085416


frequenza:

È il numero di cicli o oscillazioni di una forma d'onda al secondo; l'unità di misura è hertz (Hz). La frequenza è il parametro più importante che ha la maggiore influenza sul modo in cui un campo elettromagnetico interagisce con un sistema biologico.

Ad esempio, la profondità di penetrazione delle onde elettromagnetiche nel tessuto del corpo umano è inversamente proporzionale alla frequenza:

In pratica, se le frequenze sono più basse, possono abbassarsi. Frequenze fino a 30 MHz possono penetrare in tutti i tessuti del corpo umano fino alle ossa. Le frequenze molto alte utilizzate, come i telefoni cellulari (alcuni GHZ), hanno una penetrabilità di circa 1-2 cm.

Inoltre, vari altri parametri elettrici come la permeabilità e la conduttività dei tessuti biologici variano a seconda della frequenza utilizzata.

shutterstock 1117133324

La frequenza Un processo ripetuto regolarmente è definito come il reciproco del periodo  :

 

Tuttavia, questo può anche essere usato per specificare ogni processo periodico in natura per mezzo di una frequenza, alcuni esempi:

Il cuore umano ha una frequenza cardiaca di circa 50-90 / minuto nel corpo a riposo, che corrisponde a 0,83 - 1,5 Hz
Un esempio della musica è il tono della camera con 440 Hz

Una breve panoramica per una migliore comprensione:

Il nostro occhio umano percepisce frequenze da 400 THz a 750 THz
Il nostro orecchio umano rileva le frequenze da 20 Hz vero fino a 30.000 Hz
FM (onde ultra corte) da 1 a 10 metri (da 87.5 a 108.0 megahertz)


armoniche:

In fisica, queste sono frequenze il cui valore è un multiplo integrale della frequenza fondamentale dell'onda. Ad esempio, se la frequenza di base è 1 kHz la sua seconda armonica è 1 KhZ x2 = 2 Khz, la terza 3 KhZ, la quarta 4 kHz e così via.

Allo stesso modo, una subarmonica è una parte intera della frequenza fondamentale, quindi la seconda subarmonica di 1 kHz è 1 kHz / 2 = 500 Hz e così via.

Invece di questo criterio, è spesso preferito usarlo come moltiplicatore o deviatore, l'ottava (come nella musica); in questo caso ogni ottava è il doppio di quella precedente (ad es. 1kHz, 2kHz, 4 kHz, 8kHz).

Allo stesso modo, le ottave inferiori sono la metà delle ottave precedenti.

Confrontando i due moltiplicatori, possiamo facilmente comprendere la relazione matematica tra armoniche e ottave: è una delle basi più importanti per il calcolo delle armoniche:

Ad esempio, la terza ottava supera 1 kHz, ovvero tracce core di 8 kHz per l'ottava armonica.

Pertanto le ottave possono essere definite come armoniche "speciali".

shutterstock 444990151


Ampiezza:

È l'altezza di un vertice o una mezza onda, può corrispondere a una tensione (v), una corrente (A) o altri parametri elettrici o magnetici.

shutterstock 733256254


Voltaggio (volt):

è la differenza tra il potenziale elettrico di due punti, come i poli di una batteria o di una presa.

In questo caso, la differenza è che la tensione di una batteria è continua o ha un valore costante nel tempo (graficamente una linea retta parallela all'asse dell'ascissa); la tensione di una presa (come quella di una presa domestica) si alterna, vale a dire variabile nel tempo ad una frequenza di 50/60 Hz, con una tendenza sinusoidale e quindi con i poli che vengono invertiti 50/60 volte al secondo (da positivo a negativo) ,

La tensione è misurata in volt (V).

Volt è l'unità di misura per la tensione elettrica. In poche parole, la pressione che fa fluire gli elettroni. In altre parole: Volt è un'unità per la forza con cui viene pilotata la corrente. Ad esempio, l'elettricità a 230 volt proviene da una normale presa a muro.


Quantità di corrente (ampere):

È uno spostamento delle cariche elettriche, un flusso di elettroni da un polo negativo a un polo positivo. Se questo movimento passa attraverso un materiale conduttivo (come un filo di rame), possiamo pensarlo come un getto d'acqua che scorre attraverso un tubo.

In termini di tensione, la corrente può essere continua o variabile nel tempo.

La corrente è misurata in ampere (A).


Densità di potenza:

È la quantità di energia che scorre ed è proporzionale al quadrato dell'ampiezza (misurata in W / m2).

Ogni onda elettromagnetica è caratterizzata dalla potenza e dal trasporto di energia, che è proporzionale al risultato delle forze del campo elettrico e del campo magnetico.

È importante sapere che la potenza diminuisce con il quadrato della distanza dalla sorgente: ad esempio, a due volte la distanza, viene assorbito un quarto della potenza.


Campo elettrico:

È un campo di forza che viene generato nello spazio dalla presenza di cariche elettriche. Questo campo è sempre generato da una tensione elettrica ed è direttamente proporzionale alla sua ampiezza (maggiore è la tensione, più forte sarà il campo elettrico risultante); è rappresentato dal simbolo "E" e misurato in volt per metro (V / M).

Si manifesta in tensione in ogni componente elettrico e, a differenza del componente magnetico, viene emesso anche quando non scorre corrente.

I campi elettrici lavorano in profondità, in tutti i tessuti e in tutte le regioni del corpo e di conseguenza cadono sul quadrato della distanza.

Se l'intensità di campo è quasi uguale a quella del potenziale cellulare, il campo elettrico promuove una corrente ionica di spostamento capacitivo endocellulare (quello all'interno del Zelle aumenta), che si diffonde all'interno delle cellule e segue le linee di flusso del campo esogeno.

Se il potenziale esogeno (generato dal campo elettrico esterno) è maggiore dell'endocellulare, la cellula affronta le cariche esogene con le stesse cariche endogene ma con segni opposti, impedendo così al potenziale esogeno di disturbare l'equilibrio elettrochimico endocellulare.

shutterstock 132432248


campo magnetico:

È il campo di forza che viene generato da un magnete, una corrente elettrica o un campo elettrico variabile nel tempo.

È rappresentato dal simbolo H e misurato in ampere per metro (A / m), in Tesla (più spesso in UT - microtesla) o in Gauss (1gauss = 0,0001n Tesla).

Il campo magnetico alternato è quindi direttamente proporzionale al valore corrente e si verifica quando attraversa un conduttore elettrico; il campo diventa molto potente se i conduttori sono disposti a turno.

L'effetto dei campi magnetici è legato alla loro distribuzione spaziale; il campo magnetico decade in proporzione all'inversione del cubo di distanza.

Ad esempio, un campo magnetico che ha un'intensità di 1000 gauss in un metro, a una distanza di 3 metri dalla sorgente, l'intensità è ridotta a 12,3 gauss (= 1 / 3high3x1000, che corrisponde a una riduzione di 81 volte).

Per avere i parametri del confronto con i valori che verranno dichiarati in seguito, ha senso sapere questo:

Il campo magnetico terrestre varia da circa 70 ut ai poli, a 25 ut all'equatore e in media 50 ut ad altri latidut.
Un magnete di grandi dimensioni potrebbe avere un campo di 10 Gauss (0,001 T).
Una macchina magnetica di Ressonace può generare campi fino a 7 Tesla.

shutterstock 30220534


Campo elettromagnetico:

È la combinazione del campo elettrico e del campo magnetico e si diffonde sotto forma di onde elettromagnetiche.
A seconda della fonte di emissione di questi campi, non c'è sempre la presenza simultanea di entrambi.

Ad esempio, in prossimità di una sorgente di radiazioni, il campo elettrico e il campo magnetico possono essere visualizzati separatamente (ciò accade specialmente a frequenze molto basse); a distanze maggiori di circa un decimo della lunghezza d'onda, i due campi si collegano e si espandono sotto forma di un campo elettromagnetico.

Con l'aumentare della frequenza, l'energia trasportata da un'onda elettromagnetica aumenta proporzionalmente.

shutterstock 511349815

Un campo elettrico è presente anche quando non c'è corrente che scorre (solo la presenza di una tensione). Al contrario, non c'è campo magnetico se non c'è circolazione di corrente.

Inoltre, i campi elettrici e magnetici non si escludono a vicenda. Ad esempio, le particelle cariche generano campi magnetici quando si muovono; crea anche campi elettrici man mano che il campo magnetico cambia nel tempo.

shutterstock 202695448

 


Campi scalari:

shutterstock 88369543Scoperto da James Clark Maxwell, uno scienziato scozzese nato nel 1831, che formulò teorie sulla radiazione elettromagnetica e sui campi elettromagnetici, trovato nelle equazioni di Maxwell (2) e (3).

Tuttavia, ci vuole ancora del tempo prima che questa idea venga ripresa e intensamente studiata.

Nikola Tesla scoprì questa nuova forma di energia alla fine del 1800 mentre sperimentava scariche elettriche forti e veloci.

In seguito Tesla riuscì a trasportare l'elettricità da una stazione trasmittente a un ricevitore, anche su lunghe distanze, senza perdita di energia e senza cavi.

Questa tecnologia non solo ha consentito la trasmissione di energia, ma anche la trasmissione wireless quasi istantanea e precisa di informazioni, segnali, messaggi o segni di qualsiasi tipo a tutte le parti del mondo.

Nel 21 ° secolo, erano chiamati onde scalari.

Come per le onde elettromagnetiche (trasversali), come mostrato sopra, i campi vibrano in direzioni ortogonali rispetto alla propagazione, questi scalari vibrano nella direzione della direzione (longitudinale), come nel caso delle onde meccaniche o sonore che si muovono solo lungo la direzione di propagazione ,

Oltre alla componente trasversale, le onde elettromagnetiche hanno anche una componente longtiudinale, che è piccola alle basse frequenze ma prevale alle frequenze più alte. Se le frequenze diventano estremamente alte, la componente trasversale diventa trascurabile, mentre la componente longitudinale domina.

L'onda scalare è l'onda che rimane quando due campi elettromagnetici contrapposti interferiscono e, come negli esperimenti di Tesla, annulla i componenti elettrici e magnetici (se possono essere generati da due onde elettromagnetiche opposte, 180 gradi fuori fase).

Il risultato è un'onda longitudinale che oscilla nella stessa direzione in cui si sta muovendo.

Vari ricercatori ritengono che i campi scalari possano essere descritti come campi di torsione, energia del punto zero (ZPE), onde non Hertziane, orgone o in aree diverse dalla fisica, come energie sottili: eteree, eteree, mondane spirituali, QI o Prama.

Secondo il dott. Konstanin Meyl, professore di elettronica, può trasmettere onde scalari all'essere umano DNA perché il nostro DNA è un'antenna fisica quantistica che può ricevere e trasmettere onde scalari magnetiche.

Circa venti anni fa, il Prof. Meyl ha scoperto l'onda scalare elettrica e ha dimostrato la sua esistenza. L'onda scalare magnetica ha una maggiore rilevanza biologica, poiché la maggior parte della comunicazione tra le cellule avviene tramite questo tipo di onda.


risonanza:

È un fenomeno che si verifica quando un sistema di vibrazione è esposto a una frequenza periodica che corrisponde alla frequenza naturale del sistema.

In generale, ciò porta ad un significativo aumento dell'ampiezza delle vibrazioni e quindi ad un notevole accumulo di energia all'interno del sistema stressato, che può alla fine distruggere il sistema.

shutterstock 1473871157


conducibilità:

È la capacità di un materiale di condurre una corrente elettrica (è l'inversione della resistività).

Nei tessuti organici può essere causato da:

fluttuazioni di temperatura

  • contenuto di ossigeno
  • Concentrazioni di minerali intracellulari e fluidi extracellulari
  • Tipo di minerali intracellulari e fluidi extracellulari presenti
  • pH (sia intracellulare che extracellulare)
  • Grado di idratazione (acqua contenuta all'esterno e all'interno delle cellule)
  • Relazione tra acqua strutturata / non strutturata all'interno della cellula
  • Membrana lipidica / sterolo
  • Attività dei radicali liberi
  • Quantità di cariche negative sulla superficie delle membrane cellulari
  • Quantità e struttura dell'acido ialuronico nella matrice extracellulare
  • Campi elettrici endogeni
  • Applicazione esterna di campi elettromagnetici
  • Presenza di tossine chimiche elettrofile e metalli pesanti sia all'interno della cellula che nella matrice extracellulare.

conclusione:

Tutti i parametri sopra descritti sono interconnessi e ciascuno influenza gli effetti che possono avere su un sistema estremamente complesso e sensibile come quello biologico:

  • Frequenz
  • waveform
  • intensità
  • risonanza
  • polarizzazione
  • Modulazione

gioca un ruolo fondamentale, come sarà dimostrato nella nostra formazione.


 

 

Tag: Terapia di frequenza Blog

stampa E-mail

messaggi in Forum

Non importa quale domanda, riceverai una risposta da noi
La riservatezza dei dati è garantita
Inserisci il tuo cognome e nome
Per favore inserisci la tua email!
La tua richiesta per noi?

Differenziazione alla medicina convenzionale

Tutti presentati qui di diagnosi e procedure di trattamento sono contenuti dell'esperienza medicina naturopatica, così come i metodi delle scoperte della moderna fisica quantistica, in base al quale sono previste una serie di premi Nobel da circa 1900. (Max Planck, Albert Einstein, Werner Heisenberg, Erwin Schrödinger, Niels Bohr, ecc) Questi non sono i metodi generalmente accettati in termini di riconoscimento da parte della medicina scientifica, la cui base è la fisica classica da quando Isaac Newton (1642-1727). Tutte le affermazioni fatte e le scoperte sulle modalità di azione e le indicazioni dei metodi presentati sono basate sulle scoperte attuali e sui valori empirici delle rispettive indicazioni terapeutiche stesse.
Il contenuto di questo sito Web non può sostituire la consulenza medica, la diagnosi e il trattamento da parte di medici o terapisti qualificati e non costituisce alcuna indicazione medica.

(C) 2019 NLS Informationsmedizin GmbH
Linea diretta: + 43 2762 52481

 

Protetto da Copyscape